In primo piano

Infezioni ospedaliere: a Villa Pini elevati standard di sicurezza

La Clinica civitanovese in controtendenza rispetto al dato nazionale che vede oltre 6 pazienti su 100 contrarre una infezione durante un periodo di degenza in una struttura sanitaria.


Si chiamano "infezioni correlate all’assistenza" (ICA) e rappresentano la complicanza più frequente e grave dell’assistenza sanitaria.
Ma i dati della clinica Villa dei Pini di Civitanova Marche, che fa della chirurgia protesica uno dei suoi fiori all'occhiello, vanno in controtendenza e confermano anche per il 2019 il basso tasso di incidenza delle ICA.
"Il nostro sistema interno di sorveglianza attiva delle infezioni protesiche - dice la Direzione Sanitaria di Villa dei Pini - ha infatti rilevato che presso la clinica, nei 200 interventi chirurgici eseguiti nel secondo semestre del 2019, si sono verificate complessivamente 3 infezioni correlate all'assistenza (due in occasione di intervento di protesi di anca, una protesi al ginocchio, nessuna in occasione interventi alla spalla ed al gomito) con un tasso di incidenza dello 0,88% per la protesi al ginocchio (ben al di sotto del range medio nazionale di riferimento che sta tra 1,1% e 1,6%) e dell' 1,71% per quella all'anca (dato prossimo al valore più basso del range medio nazionale, tra 1,2% e 2,4%)".
Per innalzare ulteriormente i propri standard di sicurezza, Villa Pini ha tuttavia recentemente acquisito un Robot (l' Hyper Light Disinfection) capace di eradicare il 99.99% di batteri, virus e patogeni negli ambienti chirurgici.

Le ICA (infezioni correlate all'assistenza)
Un recente studio nazionale ha rilevato una frequenza di pazienti con una infezione contratta durante la degenza pari a 6,3 ogni 100 pazienti presenti in ospedale.
Non tutte le ICA si possono prevenire, ma si stima attualmente che possa esserlo una quota superiore al 50%.
Ad essere interessati dalle ICA sono il tratto urinario (le infezioni urinarie sono le più frequenti e da sole rappresentano il 35-40% di tutte le infezioni ospedaliere), l’apparato respiratorio, le ferite chirurgiche, le infezioni sistemiche (sepsi, batteriemie).

L'impatto econonomco nel sistema
Queste infezioni hanno un impatto clinico ed economico rilevante: secondo il primo rapporto globale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, le ICA provocano un prolungamento della durata di degenza, disabilità a lungo termine, aumento della resistenza dei microrganismi agli antibiotici, un carico economico aggiuntivo per i sistemi sanitari e per i pazienti e le loro famiglie e una significativa mortalità in eccesso.
Si stima che in Europa le ICA provocano ogni anno 16 milioni di giornate aggiuntive di degenza, 37.000 decessi attribuibili prevalentemente ad esse e 110.000 decessi per i quali l’infezione rappresenta una concausa.